Altro Personaggio

Personaggi Secondari

Non esiste altra epopea in cui ci siano tanti personaggi così perfettamente caratterizzati. Eccovi i principali in ordine alfabetico, per non offendere nessuno ovviamente.

Adara

Adara è un'algariana, cugina di Garion. E'una donna alta dai capelli neri, con i lineamenti perfetti e dalla carnagione alabastrina. Sotto un'aspetto serio, quasi grave, nasconde uno spirito ironico e penetrante.

Agachak

E' il Gerarca di Rak Urga. Un uomo dall'aspetto cadaverico con una lunga barba, sopracciglia ispide e occhi incavati. Veste con una tunica con cappuccio rosso sangue, colore che simboleggia il più alto grado di potere tra i grolim.
E' dotato di grandi poteri magici ed è in grado di evocare demoni.

Algar "Pié Leggero"

Figlio di Chereck, Re degli Alorn, insieme ai suoi due fratelli Riva e Dras. Dopo aver recuperato l'Occhio di Aldur venne messo a capo di un regno che fu chiamato Algaria.

Ambar di Kotu

vedi Silk

Anheg

Re dei Cherek

Ariel

E' la nipote di Brand nonchè dama di compagnia e amica intima di Ce'Nedra. E' una tipica donna alorn: alta, bionda e prosperosa, con trecce dorate avvolte intorno alla testa, grandi occhi azzurri e una carnagione chiara come il latte.
Durante un attentato a Ce'Nedra, Ariel perde la vita per difendere quella della sua regina difendendola da un pugnale.

Asharak il Murgo

vedi Chamdar


Barak

Barak, conte di Trellheim, è il capo-clan dei Cherek, cugino di re Anheg e sposato con Merel. Il Mrin si riferisce a lui come al Terribile Orso. In effetti pur essendo più intelligente della media è un cherek fatto e finito: amante della birra scalmanato e pronto a menare le mani.

Beldin

- Perchè non fai portare una pecora oppure un maiale, Pol? Ho fame.
- Si usa prima cucinarli, zio.
- A che scopo? - chiese lui , apparentemente perplesso.

(Tratto da "La Fine del Gioco")

Ha l'aspetto di un nano deforme ma ha forse la mente più acuta tra tutti i discepoli di Aldur. Potrebbe andare avanti ad imprecare per un giorno e mezzo senza ripetersi e di norma aspetta la pioggia per lavarsi. La sua forma preferita è quella di un falco dalle striature azzurre.

Belgarath

vedi la pagina dedicata a Belgarath

Belgarion

vedi la pagina dedicata a Garion

Belzedar

vedi Zedar

Beltira e Belkira

Tira e Kira erano due pastori e furono anch'essi istruiti da Aldur divenendo suoi discepoli. Uno completa i pensieri dell'altro e hanno capacità telepatiche uniche.

Bethra

Donna tolnedrana di stupenda bellezza. Ha dei capelli di un nero corvino, un viso di una bellezza mozzafiato occhi grandi e passionali e curve lussuriose. Bethra è una prostituta che frequenta la nobiltà tolnedran. Questo suo lavoro le permette di essere in possesso di numerose informazioni. E'sempre stata una preziosa informatrice per la famiglia Borune.

Brand

In realtà questo non un nome ma un titolo. Brand è stato, fin dall'omicidio del re di Riva Gorek, il guardiano del globo e reggente dell'isola dei Venti. E' solitamente una persona affidabile su cui si può sempre contare. Un Brand, durante l'Evento della battaglia di Vo Mimbre, è stato perfino Figlio della Luce sconfiggendo Torak e costringendolo ad un sonno forzato fino allo scontro finale.

Brill

vedi Kordoch

Brin

Figlio terzogenito di Brand.

Ce'Nedra

vedi la pagina dedicata a Ce'Nedra

Chamdar

Servitore di Torak e capo prete dei Grolims, Chamdar desidera diventare il discepolo prediletto del Dio Drago. E' lui la figura nera che osservò Garion durante la sua gioventù e che uccise i suoi genitori.
Viene ucciso da Garion il quale lo brucia vivo con una sola parola per rabbia e vendetta.
Durante il lungo pedinamento del gruppo di Garion ha assunto anche la falsa identità di Asharak il Murgo

Chereck

Re degli Alorn; insieme ai suoi tre figli (Riva, Algar e Dras) accompagnò Belgarath per recuperare l'Occhio di Aldur, quando venne rubato da Torak.

Cthrag Yaska

vedi Occhio di Aldur

Cyradis

Ctuchik

Alto prete dei Grolims e secondo discepolo di Torak

Cyradis

Profetessa di Kell. Ha rinunciato ai suoi occhi per vedere meglio, è infatti cieca e porta una benda sugli occhi. E' una ragazza snella dai capelli biondi scuro e con un'espressione si serenità costantemente dipinta sul suo volto.

Dras "Collo di Toro"

Figlio di Chereck, Re degli Alorn, insieme ai suoi due fratelli Riva e Algar. Dopo aver recuperato l'Occhio di Aldur insieme a Belgarath, venne messo a capo di un regno che fu chiamato Drasnia.

Droblek

E'l'ufficiale della capitaneria di porto drasnian a Sthiss Tor. Un uomo enormemente grasso ma molto abile e con le conoscenze giuste a nyissa.

Durnik

- Finisci sempre quello che hai incominciato - soleva consigliare. - Non va bene mettere un ferro da parte e poi riscaldarlo acora più di quanto ce ne sia bisogno.
- Come sarebbe? - domandava Garion.
- E' così e basta - replicava Durnik con una scrollata di spalle.
- Fa sempre del tuo meglio - consigliava poi Durnik in qualche altra occasione, come quella volta in cui era intento ad effettuare gli ultimi ritocchi con una lima alle parti metalliche dell'asta di un carro che stava riparando.
- Ma quel pezzo va sotto - aveva osservato Garion. - Non lo vedrà nessuno.
- Ma io saprei che è là - aveva ribattuto Durnik, continuando a limare il metallo. - Se non avessi fatto del mio meglio, mi vergognerei ogni volta che vedrei passare quel carro...

(Tratto da "Il Segno della Profezia")

L'Uomo dalle Due Vite, come viene chiamato dalle profezie, è un sendar fino al midollo: sobrio industriso e assolutamente retto. Lavorava come fabbro nella fattoria di Faldor, dove è cresciuto Garion, prima di imbarcarsi nell'avventura che lo avrebbe portato a diventare l'ultimo discepolo del dio Aldur nonchè marito di una certa maga...

Durnik distolse gli occhi, e Garion scorse due grosse lacrime brillargli negli occhi.
- Ti fa male, Durnik? - chiese con comprensione, sedendo su un tronco accanto all'amico.
- Ho ucciso uno di quegli uomini, Garion - rispose il fabbro, con voce tremante. L'ho colpito con la mia ascia. Ha urlato ed il suo sangue mi è schizzato addosso, poi è caduto ed ha scalciato contro il terreno finchè non è morto.
- Non avevi altra scelta, Durnik - lo confortò il ragazzo. - Stavano cercando di ucciderci.
- Non avevo mai ucciso nessuno, prima d'ora - dichiarò Durnik, le lacrime ora gli solcavano il olto. - Ha scalciato per tanto tempo...un tempo così orribilmente lungo.
- Perchè non vai a letto, Garion? - suggerì la zia Pol con fermezza, fissando il viso striato di lacrime di Durnik.
Garion Comprese.
- Buona notte, Durnik - disse, poi si alzò e si avviò barcollando verso una delle tende.
Si guardò indietro una sola volta: zia Pol si era seduta sul tronco accanto al fabbro e gli stava parlando con voce sommessa, con un braccio posato in un gesto di conforto intorno alle spalle.

(Tratto da "La Regina della Magia")

Erat, duchessa di

uno dei titoli acquisiti da Polgaranella sua lunga vita

Errand

vedi Eriond

Eriond

Questo dolcissimo bambino dai capelli biondi e occhi azzurri è stato allevato da Zedar con l'intento di avere un bambino completamente puro, e quindi in grado di afferrare l'Occhio di Aldur senza correre rischi. Quanto è stato ritrovato l'unica parola che era in grado di pronunciare era "incarico".

Fulrach

Re di Sendaria

Garion

vedi la pagina dedicata a Garion

Hettar

All'età di 8 anni, i murgos uccisero i suoi genitori e lo trascinarono per svariati chilometri legato ad un cavallo, fino ad abbandonarlo pensandolo morto; venne adottato da Cho-Hag divenendo erede del trono Algariano. Questo lo porta ad un odio sconfinato per questa razza. Le profezie lo chiamano il Signore dei Cavalli; Hettar infatti è uno Sha-Dar, ovvero ha un'empatia verso questi animali che lo porta quasi ad avere con loro un contatto telepatico. Di solito veste di pelle nera ed ha sempre a portata di mano un bel pugnale, nel caso si faccia vivo qualche murgos.

Harakan

Conosciuto nel Cherek con il nome di Ulfgar ha preso il controllo del culto dell'Orso organizzando vari attentati alla vita di Ce'Nedra e di suo figlio. In verità contui è un grolim mallorean ed in passato era uno dei chandim di Torak. Dopo la battaglia di Vo Mimbre alcuni chandim furono trasformati da Urvon in esseri umani.

Hunter

Hunter è il nome che viene dato dai servizi segreti Drasnian alla migliore spia a loro disposizione. Può essere di qualunque razza e questa 'carica' non ha una durata precisa. L'unica persona a conoscere la vera identità di Hunter è il capo dei sevizi segreti Javelin.

Jaharb

E'il capo dei dagashi. Vive e domina a Kansha, roccaforte dei dagashi posta nel deserto di Araga.

Javelin

Il margravio Khendon è a capo dei servizi segreti Drasnian. E' un uomo magrissimo e un'abile spia.

Kail

Figlio secondogenito di Brand.

Kheldar

vedi Silk

Kordoch

Appare per la prima volta col falso nome di Brill alla fattoria di Faldor. E'un uomo di media corporatura dai capelli neri. In realtà è un Dagashi al servizio di Chtuchik.

Lelldorin

Lelldorin di Wildantor, figlio del Barone di Wildantor, è un arend-asturian dai capelli rossi tendenti all'oro ed è un'arcere impareggiabile. Ha diciotto anni, anche se il suo temperamento ingenuo lo fa apparire molto più giovane; qualsiasi emozione lo sfiori traspare immediatamente dalla sua espressione. E' impulsivo e stravagante e al primo impatto si arriva a pensare che non sia molto intelligente. Ma l'impulsività e l'ingenuità sono caretteristiche tipiche della sua razza. L'amicizia tra lui e Garion nasce quasi immediatamente dato che è impossibile non trovare Lelldorin simpatico.

Liselle

Margravia di Drasnia, suo zio è Javelin, capo dei servizi segreti drasniani. E' una ragazza di circa vent'anni. Ha i capelli color miele e gli occhi di un caldo castano dorato. Ha un debole per il principe Kheldar...

Mandorallen

"Farò del mio meglio per ubbidire ai vostri ordini, onorevole Belgarath", mi rispose il giovane. "La mia lancia, la mia spada e il mio braccio destro sono al vostro servizio ed essendo quale sono, e quale il mondo mi conosce, fra i cavalieri il più possente, non ho dubbio alcuno che sconfiggere codesti miscredenti non sia che un compito elementare, compito che peraltro accetto con gioia nella consapevolezza che la mia abilità e il mio coraggio siano tali da assicurarvi, qualora il cielo non mi si opponga, che li sconfiggerò senza arrecare loro danni permanenti."
(Tratto da "Belgarath il mago")

Sir Mandorallen, Barone di Vo Mandor, è un uomo di altezza leggermente superiore alla media, con i capelli ricci e neri e gli occhi di un azzurro cupo. Ama parlare nel linguaggio un pò antiquato e fiorito tipico dei mimbrate. E'un cavaliere di impareggiabile bravura e di certo non cerca di nasconderlo. Nel codice Mrin è indicato come il Cavaliere Protettore. Il modo in cui preferisce lavare un'offesa è con un bel duello.

Mandorallen sospirò. "Vi prego, perdonatemi, vostra maestà", si scusò rivolto al re. "Forse vorreste far allontanare le dame, poichè mi propongo di parlare rudemente."
Ma per nulla al mondo le dame di corte si sarebbero lasciate trascinare fuori dalla sala del trono in quel momento.
Dunque Mandorallen si voltò ad affrontare il barone insolente. "Signore", disse con distacco l'imponente cavaliere, "trovo la vostra faccia scimmiesca e il vostro corpo deforme. La vostra barba, inoltre, è un'offesa alla decenza, poichè rassomiglia più al rozzo pelame che ricopre i quarti posteriori di un cane bastardo che a un ornamento degno di un volto umano. E' forse avvenuto che vostra madre in preda a una folle lussuria, si sia trastullata in passato con una capra in amore?"

(Tratto da "La Profetessa di Kell")

Occhio di Adur

Questa pietra "non più grande del cuore di un bambino" è liscia e lucida. E'stata raccolta dal dio Aldur che per secoli l'ha tenuta fra le mani donandole poteri immensi. E'una gemma in parte senziente in quanto è in grado di comunicare, a suo modo, mentalmente con chi la circonda e di cambiare luminosità dall'azzurro al rosso. L'Occhio di Aldur può essere toccato esclusivamente dalla stirpe di Riva, in quanto fu proprio Riva a recuperare la gemma da Torak.

Oskatat

Alto siniscalco alla corte di Urgit è un'uomo di messa età dai capelli grigi con molte rughe e una cicatrice sulla faccia.

Poledra

Madre di Polgara e moglie di Belgarath.

Polgara

vedi la pagina dedicata a Polgara

Prala

Questa snella murgos di 16 anni dai capelli corvini e dalla bellezza esotica è la principessa del casato di Cthan. E'la dama di compagnia di Lady Tamazin.

Redek di Boktor

vedi Silk

Relg

E'un divinatore Ulgo dotato del potere di trasmigrare attraverso la roccia. Come tutti quelli della sua razza è di statura bassa ma ha braccia è spalle muscolosissime e sciluppate fin quasi a farlo apparire deformi. Ha capelli privi di colore incolti e porchi e occhi neri che briciano di fanatismo. Viene definito dalle profezie come L'Uomo Cieco.

Riva "Stretta di Ferro"

Ultimogenito, figlio di Chereck, Re degli Alorn, insieme ai suoi due fratelli Dras e Algar. Fu lui a prendere l'Occhio di Aldur nella torre di ferro di Torak e il suo tocco sulla pietra creò un legame indissolubile con la sua famiglia. Fu posto a regnare sull'Isola dei Venti, luogo in cui conservare e proteggere l'Occhio di Aldur.

Sadi

Capo degli eonuchi della regina Salmissra.

Sharell, Lady

E'lo pseudonimo utilizzato da Ce'Nedra durante la sua fuga da casa.

Salmissra

L'imperatrice di Nyssa viene selezionata tra 10 giovani che vengono scelte per somiglianza alla prima donna che fu imperatrice accanto al dio Issa. Le 10 aspiranti vengono addestrate e infine una sola diventa Imperatrice mentre le altre vengono uccise. Questa selezione fa si che ogni Salmissra sia identica alla successiva conferendole il titolo di eterna Salmissra. Vive nella sua sala del trono adagiata su un divano e servita da molti eonuchi. E'una donna di bellezza incredibile e molto seducente. Normalmente è sotto l'effetto di molti tipi di droghe che contribuiscono a mantenerla giovane e uguale negli anni ma che hanno come effetto secondario quello di risvegliare parecchio il suo desiderio...

Senji

Membro anziano della facoltà di Alchimia applicata dell'università di melcene, questo talipede è un ometto sudicio e trasandato quasi quanto Beldin. Il Talismo è una mallattia che provoca la malformazione di un piede infatti Sanji zoppica e la sua gamba sinistra è diversi centimetri più corta della destra con il piede grottescamente deformato.
Durante dei suoi esperimenti per la trasformazione del piombo in oro, in un momento d'ira profonda Senji riusci a utilizzare la Volonta e la Parola. La scoperta di questo potere gli ha premesso di arrivare a vivere fino a tremilanovecento anni. Purtroppo non è in grado di usare la magia se non in momenti di rabbia.

Silk

Devo ammettere che è uno dei miei personaggi preferiti. Il principe Kheldar, Silk è solo il soprannome datogli dai suoi compagni di classe all'accademia dei Servizi Segreti drasniani, è allo stesso tempo giocoliere, acrobata ladro e assassino. E' piuttosto minuto con un naso affilato e una mente sveglissima.

- Ti sei procurato il denaro? - gli domandò il vecchio.
- L'ho preso in prestito da Barak.
- Mi sorprende. Non è famoso per la sua generosità.
- Non gli ho detto che lo stavo prendendo - ribattè l'ometto con un ampio sogghigno. - Ho pensato che avremmo risparmiato tempo evitando prolungate spiegazioni.
Belgarath sollevò di scatto un sopracciglio.
- Abbiamo fretta, vero? - domandò Silk, con aria inncente. - E Barak sa essere tedioso, quando si tratta di soldi
.
(Tratto da "Il Castello Incantato")

Trovarlo simpatico è inevitabile, ma non commettete mai l'errore di fidarvi di lui. Il codice Mrin si riferisce a lui come alla Guida. Nelle terre dell'ovest è conosciuto anche sotto false identità come Ambar di Kotu, un venditore di spezie, o Redek di Boktor un eccezzionale commerciante.

- E' troppo calda - avvertì Garion, in tono critico, mentre l'ometto dalla faccia di faina si accingeva a disporre le strisce di pancetta nella padella fumante.
- Vuoi farlo tu?
- Ti stavo soltanto dando un avvertimento.
- Io non ho i tuoi vantaggi, Garion - commentò, tagliente, Silk. - Non sono cresciuto nella cucina di Polgara, come te. Faccio del mio meglio.
- Non c'è bisogno di prendersela. Pensavo che ti interessasse sapere che la padella è troppo calda, ecco tutto.
- Credo di potermela cavare senza altri consigli.
- Accomodati... ma brucerai la pancetta.
Silk gli rivolse un'occhiata irritata e cominciò a buttare la pancetta nella padella; immediatamente, le fette sfrigolarono fumarono e si annerirono lungo i bordi.
- Te lo avevo detto - mormorò Garion.
- Belgarath - si lamentò Silk, - vedi che mi lasci in pace.
- Suvvia, Garion - intervenne il vecchio. - Può bruciare la cena anche senza aiuto.
- Grazie- commentò, sarcastico, Silk.

(Tratto da "Il Castello Incantato")

Taiba

E'una Marag ritrovata da Belgarath e compagni nella città di Rak Chtol. Ha lunghi capelli neri curve da sballo e occhi violetti. Nelle profezie indicata come la Madre della Razza Estinta.

Tamazin, Lady

Madre di Urgit Urgas. Una donna che nonostante l'età e qualche ruga mostra ancora una grande bellezza.

Toth

Questo gigante muto è il protettore della profetessa di Kell Cyradis. Viene indicato nelle profezie come L'Uomo Silente.

Ulfgar

vedi Harakan

Urgit

Urgit Urgas succede a suo padre Tur Urgas come sovrano ci Cthol Murgos. E' basso, magro dall'aspetto vigoroso. Ha capelli neri e lineamenti sottili.
Si scoprirà essere fratellastro di Silk.

Urvon

Grolim e terzo discepolo di Torak.

Varana, generale

Forte e insospettabilmente intelligente, Varana venne mandato da Ran Barune XXIII per tenere d'occhio le armate di Ce'Nedra nella battaglia di Thull Mardu. Fu in seguito adottato dall'imperatore e divenne Ran Barune XXIV alla morte del suo predecessore.

Varn

Cercatore d'oro incontrato da Silk e Garion in una taverna di Gar og Nadrak

Verdan

Figlio primogenito di Brand. Robusto come un toro.

Vordai

Questa donna ha presumibilmente qualche centinaio di anni ma mostra un'antica bellezza. Vive in una capanna al centro delle paludi di Drasnia ed dotata di alcuni oscuri poteri. E'in grado di comunicare con le creature delle paludi.

Wolf

o Messer Wolf o Vecchio Lupo...vedi la pagina dedicata a Belgarath

Zedar

Zedar l'Apostata fu il secondo a diventare discepolo del dio Aldur. La sua meledizione fu scoprire il globo. Il potere della pietra gli offuscò la mente. Quando Torak rubò il globo Belzedar cercò di recuperarlo ma venire in contatto con la mente del Dio Drago fu la sua rovina. Tradì Aldur e divenne discepolo prediletto di Torak.